newltop

COVID-19 e stigma sociale: guida OMS

Da UNIVADIS.IT  - Uniflash 26/02/2020 

Stigmain psicologia sociale, significa l’attribuzione di qualità negative a una persona o a un gruppo di persone. In un focolaio epidemico da malattia trasmissibile, come quello da COVID-19, lo stigma può significare che le persone vengono etichettate, stereotipate, discriminate, trattate separatamente e/o sperimentano la perdita di status a causa di un legame percepito con la malattia.  L'attuale epidemia da COVID-19 sta provocando stigmatizzazione sociale e comportamenti discriminatori nei confronti di persone di determinate origini etniche, di gruppi o di chiunque abbia percepito di essere stato in contatto con il virus.  Il livello di stigma associato a COVID-19 si basa su tre fattori principali: 

  • è una malattia nuova e per la quale esistono ancora molte incognite; 
  • abbiamo spesso paura dell'ignoto; e 
  • è facile associare quella paura agli "altri". 

È comprensibile che ci sia confusione, ansia e paura tra il pubblico. Sfortunatamente, questi fattori stanno anche alimentando stereotipi dannosi. Lo stigma può minare la coesione sociale e indurre un possibile isolamento sociale dei gruppi, che potrebbe contribuire a una situazione in cui il virus ha più, non meno, probabilità di diffusione. Ciò può comportare problemi di salute più gravi e difficoltà a controllare l'epidemia.

Lo stigma può: 

  • Spingere le persone a nascondere la malattia per evitare discriminazioni 
  • Impedire alle persone di cercare immediatamente assistenza sanitaria 
  • Scoraggiare le persone dall'adottare comportamenti sani

Ciò che funziona è creare fiducia in servizi sanitari affidabili e consigli, mostrare empatia con le persone colpite, comprendere la malattia in modo che le persone possano aiutare a proteggere se stessi e i propri cari.

Le parole contano: cosa fare e cosa non fare quando si parla del nuovo coronavirus (COVID-19)

  • Cosa fare- parlare della nuova malattia da coronavirus (COVID-19). Il nome ufficiale della malattia è stato scelto per evitare la stigmatizzazione - "co" sta per Corona, "vi" per virus e "d" per malattia, 19 è il 2019, anno in cui è emersa la malattia.
  • Non attaccare luoghi o etnia alla malattia, questo non è un "virus Wuhan", "virus cinese" o "virus asiatico". 
  • Cosa fare- parlare di "persone che hanno COVID-19", "persone che sono in cura per COVID-19", "persone che si    stanno riprendendo da COVID-19" o "persone che sono morte dopo aver contratto COVID-19" . 
  • Non fare riferimento a persone con la malattia come "casi COVID-19" o "vittime"
  • Cosa fare- parlare di "persone che potrebbero avere COVID-19" o "persone che sono presunte di COVID-19"
  • Non parlare di "sospetti COVID-19" o di "casi sospetti".
  • Cosa fare- parlare di persone che "acquisiscono" o "contraggono" COVID-19
  • Non parlare di persone che "trasmettono COVID-19", "infettano gli altri" o "diffondono il virus" poiché implicano una trasmissione intenzionale e attribuiscono la colpa.
  • Cosa fare- parlare in modo accurato del rischio derivante da COVID-19, sulla base di dati scientifici e dei più recenti consigli ufficiali sulla salute.
  • Non riprendere o condividere voci non confermate ed evitare di usare un linguaggio iperbolico che genera paura come "peste", "apocalisse" ecc.
  • Cosa fare- parlare in modo positivo ed enfatizzare l'efficacia delle misure di prevenzione e trattamento. Per la maggior parte delle persone questa è una malattia che possono superare. Sottolineare l'efficacia dell'adozione di misure protettive per prevenire l’infezione, nonché lo screening, i test e il trattamento precoci.
  • Non enfatizzare o soffermarsi sul negativo o sui messaggi di minaccia. 

Fai la tua parte: idee semplici per scacciare lo stigma

Governi, cittadini, media, influencer e la comunità hanno un ruolo importante da svolgere nel prevenire e fermare lo stigma che circonda le persone provenienti dalla Cina e dall'Asia in generale. Dobbiamo essere tutti intenzionali e premurosi quando comunichiamo sui social media e su altre piattaforme di comunicazione, mostrando comportamenti di supporto attorno alla nuova malattia da coronavirus (COVID-19).

Suggerimenti e messaggi di comunicazione

In un momento di sovraffollamento di informazioni, la disinformazione e i rumors si diffondono più rapidamente di COVID-19. Perciò è importante:

  • Correggere le idee sbagliate e, allo stesso tempo riconoscere che i sentimenti delle persone e il loro comportamento successivo sono reali, anche se l'assunto è falso.
  • Promuovere l'importanza della prevenzione, delle azioni salvavita, dello screening precoce e del trattamento.
  • La solidarietà collettiva e la cooperazione globale per prevenire un'ulteriore trasmissione e alleviare le preoccupazioni delle comunità.
  • Condividere racconti o storie che umanizzano le esperienze e le lotte di individui o gruppi colpiti dal COVID-19
  • Comunicare supporto e incoraggiamento per coloro che sono in prima linea nella risposta a questo focolaio (operatori sanitari, volontari, leader della comunità ecc.).

I fatti, non la paura, fermeranno la diffusione del nuovo coronavirus (COVID-19)

Bibliografia e riferimenti

World Health Organization  Social Stigma associated with COVID-19 - A guide to preventing and addressing social stigma Updated 24 feb 2020