comunicazioni AGITE

UNA SIGO DI RINNOVAMENTO E DI CONTINUITA’

Due elementi hanno caratterizzato l’appena concluso 94° Congresso nazionale SIGO: la grande e convinta partecipazione di tanti colleghi e colleghe che hanno spesso affollato le numerose e articolate sessioni in cui si è sviluppato il Congresso e la peculiarità di una SIGO rinnovata nei suoi organi direttivi e che già adesso suggerisce curiosità, sfide e aspettative che stimolano e interrogano l’interesse della Ginecologia italiana ma senza rinunciare a quella continuità di percorso che l’ha caratterizzata negli ultimi anni.

Come certamente ricorderete, in occasione del 93° Congresso svoltosi a Roma nell’ottobre dello scorso anno, venne approvato il nuovo Statuto SIGO sia per uniformarsi ad alcuni requisiti richiesti dal Ministero della Salute alle Società medico-scientifiche ai fini dell’accreditamento sia per adeguare la Società alla nuova veste di Federazione, espressione delle tre Società “federate” che la compongono e che ne costituiscono i pilastri su cui si regge: AOGOI (Ospedale) -  AGUI  (Università) – AGITE  (Territorio e liberi professionisti).

Il Congresso di quest’anno svoltosi nella splendida cornice di Napoli ha segnato il passaggio dalla fase formale e teorica a quella concreta e operativa caratterizzata da un Direttivo SIGO nel quale si distingue una sorta di vertice costituito dalle cariche di Presidente, Presidente eletto, Vice Presidente e Past Presidente. Esso costituisce il “luogo” istituzionale nel quale le tre Federate sono presenti, anche in virtù dei soggetti chiamati a rappresentarle ed indicati dalle rispettive Società. 

 Il ruolo di Presidente è stato affidato ad Antonio Chiàntera e basterebbe questo a caratterizzare il “rinnovamento” di SIGO: il Prof. Chiàntera è stato per oltre 30 anni l’onnipresente Segretario nazionale di AOGOI che ha protetto, plasmato e fatto crescere fino a farla diventare quella grande Associazione che è. Chi lo conosce bene sa quanto tormento sta dietro questa sua scelta di lasciare la Segreteria AOGOI e di candidarsi alla Presidenza SIGO ma, appunto, il “rinnovamento” della Società passa anche attraverso l’impegno in prima persona di un personaggio carico di esperienza operativa e riferimento di una rete di relazioni quanto mai fitta e consolidata. Il rinnovamento richiedeva dunque un combattente in servizio permanente effettivo come Antonio Chiàntera alla guida di SIGO. 

Alla carica di Presidente eletto il mondo universitario ha indicato Nicola Colacurci, Presidente uscente di AGUI che, sotto la sua guida di questi ultimi anni, ha saputo crescere e soprattutto restare unita, obiettivo non sempre facile da raggiungere nel contesto di un universo articolato fatto di tante individualità come quello universitario. 

Tutto il nostro mondo professionale ha poi tributato onore e riconoscimenti a Giovanni Scambia, attivissimo, originale ed innovativo Presidente SIGO al cui servizio in questi tre anni ha messo il proprio prezioso contributo culturale e professionale, caratterizzando qualitativamente e rafforzando il ruolo internazionale della Società, che continuerà ad usufruire della sua attività attraverso il ruolo  di Past President.

E veniamo infine ad AGITE. L’Associazione che rappresenta i Ginecologi del territorio e della libera professione lo scorso anno è entrata finalmente dalla porta principale nel mondo della Ginecologia italiana e la carica di Vice Presidente affidata al sottoscritto ne costituisce la traduzione plastica e concreta. Essendo anche stato riconfermato nella carica di Presidente AGITE, il nesso tra le due Società appare dunque ancora più forte e tangibile. Questo doppio riconoscimento che ha potuto contare sul sostegno unanime dell’Assemblea e del Direttivo dell’Associazione mi lusinga ma subito dopo mi preoccupa perché costituisce per me l’ennesima sfida e l’ennesimo branco di prova cui sono chiamato a rispondere e per uno come me, molto determinato ma senza mai verità in tasca, il dubbio di non deludere le molte aspettative è sempre ben presente. Con questo mio incarico spero di dare ad AGITE quella sostanza e quella dignità che le competono, stimolando la presa di coscienza da parte di tutta la Ginecologia sul ruolo sempre più fondamentale svolto dal Territorio nella gestione della salute della donna. E’ per me dunque fondamentale essere sostenuto in tutto questo dall’attività, dalla presenza costante e anche dall’affetto delle colleghe e dei colleghi che costituiscono il Consiglio di Presidenza e il Direttivo dell’Associazione.

Concludo riprendendo il titolo del mio articolo comparso anche sul numero congressuale di GynecoAogoi che recitava: Il Congresso dell’unità. L’esperienza di quest’ultimo Congresso nazionale ha dimostrato ancora una volta quanto conta e quanto è essenziale l’unità della nostra categoria che soltanto dall’unità appunto può sfruttare appieno la propria forza. Se mi avessero chiesto di prendere la parola sul palco subito dopo l’elezione, avrei sottolineato questo concetto citando un grande figlio di Napoli recentemente scomparso, Luciano De Crescenzo: “Gli uomini sono angeli con un’ala sola. Possono volare solo abbracciati”.

Novembre 2019

Sandro M. VIGLINO
Presidente AGITE – Vice Presidente SIGO